ItalianEnglishSpanishFranšais
Gatto NineNineNine on Google PlusGatto NineNineNine on InstagramGatto NineNineNine on FacebookGatto NineNineNine on TwitterGatto NineNineNine RSSGatto NineNineNine RSS

Minerva
di Gatto NineNineNine   

 Minerva  

Mentre ero nella sala di Minerva sentii uno scricchiolio.

 

MINERVA

    

Mentre ero nella sala di Minerva sentii uno scricchiolio …

 

Subito mi voltai e vidi che era solo la guardia del Museo, vestita in giacca blu e pantaloni neri, che si gustava uno scricchiolante panino al pomodoro, stava sgocciolando e sporcando il tappeto nero come le pareti.

 

Così, mi rivoltai verso la Minerva e vidi che sotto i suoi piedi c’era incisa una scritta:

 

“Quella che vedete è l’indomabile Dea Minerva, chiunque legga queste frasi, si troverà in grossissimi guai”

Tra parentesi: “(Buona Fortuna)”

 

Così mi impaurii un po’.

 

Sentii un tonfo che proveniva dall’uscita del Museo, così andai a vedere e vidi che la porta era chiusa e non c’era più nessuno, nemmeno la guardia e le gocce del suo panino …

 

Corsi nella stanza della Minerva e con il fiatone e il cuore in gola vidi esterrefatta che la Minerva non c’era più, era rimasto solo il piedistallo di stoffa nera con le incisioni.

 

Questa volta mi impaurii fortemente, mi inginocchiai nel tappeto nero con gli occhi sbarrati, aspettai … aspettai … aspettai …

 

Al tocco di mezzanotte udii un rumore di una moneta e un altro scricchiolio, subito mi nascosi dietro il piedistallo nero, ma lo scricchiolio era sempre più vicino, così vicino che sembrava che fosse dietro di …. Me ?...

 

Mi girai e vidi un viso, ma non un viso qualunque, un viso di bronzo ammuffito che aveva un’espressione triste e cupa. Io non scappai, ma rimasi lì perché lei … mi faceva pena, mi guardava fissa negli occhi ed io non seppi reagire, anzi mi avvicinai un pochino.

 

Lei sorrise, ma non eccessivamente, e tolse dalla sua tasca di bronzo un panino uguale a quello che aveva la guardia prima, scricchiolante, al pomodoro e che sgocciolava sul tappeto del pavimento nero come le pareti.

 

Poi, con lenti movimenti, la statua salì sul piedistallo e lì si pietrificò e non si mosse più.

 

Il mattino seguente la guardia riapparve, inserì la monetina nella macchinetta dei panini e si mangiò un altro scricchiolante panino al pomodoro che gocciolava sul tappeto nero come le pareti.

 

Minerva

 

    

    

 

Scritta da Gatto 999

il 1° Dicembre 2008

    

 


Ti è piaciuto questo racconto ?..

Tra i miei preferiti, nella sezione Racconti :

Se ti piacciono ce ne sono altri, adoro scrivere !..

Leggi anche altri racconti

Guarda le mie filastrocche 

Visita la sezione di Mio Fratello

Fai un giro nella sezione divertimento

Vivi alcune delle nostre avventure

  

 
< Prec.   Pros. >
     Primo Libro di Gatto999 - La Perdita di Teddy  
il primo Libro per Bambini
   di Gatto NineNineNine

   
Contatore 
   

Gatto NineNineNine on Google Plus Gatto NineNineNine on Instagram Gatto NineNineNine on Facebook Gatto NineNineNine on Twitter Gatto NineNineNine RSS Gatto NineNineNine RSS Gatto NineNineNine on Pinterest Gatto NineNineNine RSS

Navigando in Gatto999.it accetti la sua Cookie Policy.